RSS Feed

L’asinello saggio

23 dicembre 2012 by Carmela

L’asinello
La storia di questo asinello è motivo di grande riflessione

Un giorno l’asino di un contadino cadde in un pozzo, il povero animale pianse pietosamente per ore e ore intanto che il contadino cercava di decidere il da farsi. Finalmente l’uomo decise…….. l’asino ormai è troppo vecchio pensò, il pozzo ormai è vuoto ed ha bisogno di essere chiuso….. di conseguenza non vale la pena salvare l’asino. Così l’uomo invitò tutti i suoi vicini a venire per aiutarlo a chiudere il pozzo e sopprimere l’asino, ognuno di essi prese una pala e tutti cominciarono a buttare terra nel pozzo, subito l’asino realizzò quello che stava succedendo e cominciò a piangere e disperarsi, ma subito dopo con stupore di tutti l’asino si calmò. Dopo aver buttato un bel po’ di terra i contadini guardarono nel pozzo e restarono stupiti di ciò che videro….. per ogni palata di terra che gli arrivava sul suo dorso l’asinello si scuoteva con forza lasciando cadere la terra sotto i suoi piedi e salendo un po’ più in alto, e più i contadini continuavano a buttare terra sull’animale più lui la scuoteva e saliva sempre più in alto e sempre più in alto fino a raggiungere la superficie, e sotto lo stupore di tutti l’asino uscì fuori dal pozzo e trottò via per la sua strada
Morale della storia:
La vita ci butterà addosso ogni tipo di sporcizia, ma la chiave per uscire dal pozzo è: affidarci a Gesù Cristo, scuoterci la sporcizia che ci viene addosso e fare sempre un passo più in alto. Ognuno dei nostri problemi è una pietra di inciampo per noi, ma se restiamo tranquilli, ci affidiamo a Dio ed al Suo insegnamento, noi possiamo uscire fuori dal profondo pozzo senza farci seppellire dalla sporcizia. Perciò non ci arrendiamo, ma scuotiamoci la sporcizia che ci arriva addosso e continuiamo la nostra scalata, ringraziando Dio che attraverso il sacrificio di Gesù Cristo ci porterà in un mondo senza più sporcizie e pregandolo di darci la forza necessaria anche su questa terra contaminata


Nessun commento »

No comments yet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *